Jacques Lévy

Patrick Poncet
Dominique Andrieu
Boris Beaude
René-Éric Dagorn
Marc Dumont
Karine Hurel
Alain Jarne
Blandine Ripert
Mathis Stock
Olivier Vilaça

 

Accesso
diretto

Box

Box 3 - Spazi virtuali

Il termine virtuale è regolarmente associato a Internet. Tuttavia, la lingua francese[1] non consacra il termine a questo uso. In francese, il termine virtuale significa potenziale e si oppone ad attuale. Ora, in appena poco più di un decennio, il senso comune di virtuale è considerevolmente cambiato, al punto di non essere opposto ad attuale, ma a reale. 

Questo scivolamento semantico deriva da un anglicismo, che è emerso nell’ambito delle tecnologie dell’informazione. Se virtual e virtuale hanno la stessa etimologia latina (virtualis, che significa “essere in potenza”), il loro senso ha deviato dall’inizio, poiché nel VI  secolo, virtual significava “capace di produrre un certo effetto”, mentre virtuale significava “ in potenza”, conformemente alla sua etimologia.

Il senso più recente di virtual, prima di essere ripreso in francese, si è sviluppato a partire dagli anni Cinquanta per designare “ciò che appare funzionalmente per l’utilizzatore, indipendentemente dalla struttura fisica e logica utilizzata[2]”. Questo approccio rispondeva allora al bisogno di opporre l’hardware al software, e più generalmente il materiale all’immateriale. È quest’accezione che è all’origine di tutte le declinazioni contemporanee di virtuale (memoria, disco, comunità, mondo, spazio…). In ogni caso, si tratta del durante immateriale di un referente materiale. Si tratta in realtà della memoria virtuale, del disco virtuale, di realtà virtuale, o di mondo virtuale, nel senso di virtual, cioè quasi reale. L’opposizione di virtuale a reale si è imposta, e si è quasi sostituita a potenziale, sebbene quest’ultima accezione sia sempre utilizzata.


[1] In questo caso potremmo anche dire lingua italiana visto che anche in italiano il senso della parola “virtuale” non è relativo solo a Internet. Ndt.

[2] Definizione proposta dal Le Nouveau Petit Robert del 1993. 

Libro 

 
Tutte le carte